Tirar la cinghia ... per gli altri

Don Giuseppe Sarto nel fare la carità era insuperabile.

Una mattina, verso mezzogiorno, la buona Rosa, una delle sorelle, era entrata in cucina, ma quale fu la sua sorpresa quando vide che nella pentola non c’era il pezzo di carne che vi aveva messo prima. “Pora mì! Cosa farò”.

La udì don Giuseppe e per tranquillizzarla le disse: “È venuto poco fa un povero uomo, che ha la moglie ammalata e quattro figlioli che hanno fame. Non avendo altro da dargli, gli ho data la carne che bolliva. Va là, va là … il Signore provvederà anche per noi!”.

“Ma cosa mangeremo a mezzodì?”, replicò la sorella. “Polenta e formaggio”, rispose lui che ordinariamente si accontentava di un uovo o di una semplice minestra di fagioli; “avete paura di morire di fame?”

 

 

Fonte: Testimonianza di Lucia Sarto, sorella di S. Pio X – Ignis Ardens maggio-giugno 1958

Area riservata

Accedi

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.