Un avversario? Benissimo!

In sul principio del suo Pontificato, mentre era in attesa di ricevere un gruppo di Pellegrini, un Prelato informava Pio X che tra questi si trovava un signore veneziano, che copriva una carica pubblica, il quale gli era stato sempre apertamente ostile; quando sapeva che una pratica era sostenuta o raccomandata dal Patriarca Sarto, essa veniva inesorabilmente gettata nello «scaffale dei morti».

Pio X a quella notizia parve ringiovanirsi: "Benissimo, rispose al Prelato, mi porti subito la corona d'oro del Rosario, la più bella, la più artistica che sta racchiusa nel cofanetto segreto".

Giunse il momento della visita: Pio X entrò nella grande sala col suo abituale sorriso sulle labbra; a tutti i pellegrini disse una parola di benedizione, ma quando si trovò davanti al suo vecchio avversario: "Quale visita gradita!" esclamò, "Bravo! come sta la mamma? e a Venezia tutti bene? Sa che ho pensato a Lei ed alla Mamma sua? Ecco questa corona d'oro; la consegnerà alla Mamma e in seguito resterà in famiglia a mio ricordo. Dica alla Mamma che la benedico di cuore, perché il Papa ha sempre voluto bene alla sua famiglia".

Quel signore diede in uno scroscio di pianto; bagnò di lagrime la mano benedicente di Pio X e, scendendo dalle scale del Vaticano, ripeteva a chi lo interrogava della sua commozione: "E' vero: il Papa Sarto è un santo".

 

Padre Gerolamo Dal Gal, Pio X il Papa Santo, Editrice Fiorentina, 1940 (Ignis Ardens, marzo 1955)

Area riservata

Accedi

Google Translate

itenfrdeplptrues

Aiuta la tua parrocchia

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.