NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

La lunga strada alla santità dei martiri dell'Uganda dichiarati venerabili da Pio X

Relics of Uganda martyrsSacerdoti portano le reliquie dei Martiri dell'Uganda durante le celebrazioni del Giorno dei Martiri a Namugongo, il 3 giugno 2015.

Il 18 ottobre 1964, Giornata delle Missioni, nella Basilica di San Pietro in Vaticano, Papa Paolo VI ha dichiarato i 22 Martiri dell'Uganda 'santi della Chiesa cattolica' in tutto il mondo. La dichiarazione ha concluso un processo di 52 anni. La canonizzazione è avvenuta 76 anni dopo la loro condanna a morte da Kabaka Mwanga.

 

Il processo canonico

La dichiarazione di santità è il culmine di un processo che richiede anni. Nel caso dei Martiri Cattolici dell'Uganda, il processo è durato 52 anni, essendo iniziato 76 anni dopo la loro esecuzione. Il lungo processo di 52 anni ha seguito le rigide regole cattoliche della canonizzazione, coinvolgendo controlli e conferme.

Tutto è cominciato il 14 agosto 1912, quando Papa Pio X ha dichiarato 'venerabili' i 22 martiri cattolici dell'Uganda. Con questa dichiarazione, la gente ha iniziato a pregare l'intercessione dei martiri per ottenere miracoli.

Nel 1916, è iniziato il processo di beatificazione a seguito dell'approvazione dei Sacri Riti di canonizzazione dei santi. Quattro anni più tardi, il 20 giugno 1920, Papa Benedetto XV ha dichiarato benedetti i martiri cattolici dell'Uganda durante la messa di beatificazione.

 

I miracoli compiuti

Un anno dopo la dichiarazione di 'venerabili', Henri Streicher, allora Vescovo di Rubaga, ha istituito un tribunale per ricevere testimonianze pubbliche di miracoli compiuti dai martiri.

Due dei membri del tribunale, Denis Kamyuka e Joseph Nsingisira, avevano assistito all'uccisione di 1886 persone. Davanti al tribunale sono apparsi 120 testimoni di miracoli in totale.

Uno dei miracoli eccezionali ricevuti era quello delle due suore cattoliche che erano state guarite dalla peste bubbonica. Le due sorelle, Richildis Buck e Mary Aloyse Cribelt, avevano contratto la peste mentre assistevano pazienti che soffrono della stessa malattia al Rubaga Hospital.

Quando l'allora Vescovo di Rubaga, Edouard Michaud, ha sentito parlare della malattia delle due sorelle, ha chiesto ai cristiani della diocesi di Rubaga di iniziare una Novena (nove giorni di preghiera intensiva) per ottenere l'intercessione dei martiri per la guarigione delle due sorelle. Il terzo giorno della novena dopo giorni e notti di preghiere, le due sorelle erano guarite.

Il Vescovo Michaud, che è stato il vescovo di Rubaga tra il 1933 e il 1945, ha inserito la guarigione miracolosa delle due sorelle nel suo rapporto al postulatore della causa di canonizzazione dei martiri ugandesi.

La guarigione è stata portata all'attenzione della Congregazione dei Riti dei Santi. La Congregazione a sua volta l'ha riferita alla Commissione Medica Pontificia per ulteriori indagini. Dopo l'indagine, la commissione ha detto: “La cura della peste è stata eccezionale e non poteva essere spiegata dalla legge di natura”, secondo i documenti di archivio della Cattedrale di Rubaga.

Il miracolo è stato ulteriormente sottoposto a medici esperti esterni per verifica. Sono stati consultati quattro esperti medici privati, tra cui due della Gran Bretagna e due medici di Kampala, il dott. Reynolds, anglicano di Mulago, e il dott. Ahmed, professionista privato musulmano di Entebbe Road. I loro risultati erano in accordo con la relazione della Commissione Medica Pontificia.

 

Risultati del rapporto

Secondo i dati di archivio della Cattedrale di Rubaga, la relazione degli esperti medici esterni dice: “Il farmaco dato alle due sorelle, che era il solo farmaco al tempo, non era assolutamente sufficiente per provocare il recupero. La stessa osservazione scientifica è stata confermata da un produttore importante di farmaci, la May & Baker“.

In precedenza, nel 1964, i leader della Chiesa cattolica di tutto il mondo sono stati a Roma per la terza riunione del Conciglio Vaticano II. Tra i presenti c'era l'ugandese Joseph Kiwanuka, il primo arcivescovo nero dell'Africa sub-sahariana. Alla fine del Concilio, il Papa ha chiesto tre concistori (riunioni) preliminari dei cardinali e altri alti gradi del clero per sentire i risultati del tribunale istituito per raccogliere prove sui miracoli.

Nel Concistoro pubblico, è stato presentato un rapporto dettagliato sulla vita, le virtù e i miracoli dei martiri dell'Uganda. Il secondo Concistoro non era pubblico. In questo, il Papa ha chiesto ai cardinali di esprimere le loro opinioni su ciò che era stato loro presentato nel primo concistoro e poi di firmare un documento scritto che doveva confermare la canonizzazione dei martiri. Kiwanuka dell'Uganda era tra coloro che hanno firmato.

 

Dichiarati santi

Il 18 ottobre 1964 moltitudini di persone sono arrivate alla Basilica di San Pietro per assistere alla canonizzazione dei 22 ugandesi, unici martiri cattolici africani.

Mentre veniva cantata la litania dei santi durante la messa, diversi cardinali, vescovi e patriarchi provenienti da varie parti del mondo si sono alternati per avvicinarsi alla sede papale e rendere omaggio al Papa.

In seguito, il postulatore del Papa per la causa dei martiri, don Anthony Wonter, ha letto la formula tradizionale in latino instanter, instatius, instatissime (urgente, più urgente, urgente al massimo), chiedendo al Papa di proclamare santi di Dio i martiri dell'Uganda.

Con la richiesta fatta, il segretario del Papa ha risposto: “Sua santità era preparato ad accogliere la richiesta, ma ha chiesto preghiere e l'invocazione dello Spirito Santo”. La preghiera è stata seguita dal canto dell'inno latino Veni Creator Spiritus, e alla fine, dall'annuncio del Papa.

 

Dichiarazione del Papa

Nel proclama il Papa ha detto: “Per l'onore della Trinità Santa e indivisibile, per l'esaltazione della fede cattolica e l'incremento della religione cristiana, per autorità di nostro Signore Gesù Cristo, dei Santi Apostoli Pietro e Paolo e nostra stessa, dopo riflessioni mature e preghiere frequenti per la guida divina e con consigli dei nostri venerabili fratelli, i cardinali, patriarchi, vescovi e vescovi della Sacra Romana Chiesa presenti in città, decretiamo e definiamo come santi, e iscriviamo all'Albo dei Santi i Beati Charles Lwanga, Mattia Mulumba Kalemba e i loro 20 compagni“.

E ha aggiunto: “Decretiamo che la loro memoria sia commemorata dalla Chiesa universale con pia devozione ogni anno il 3 giugno. Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen."

Dopo la dichiarazione, è stata fatta la registrazione ufficiale della legge di canonizzazione. La legge di canonizzazione è stata accompagnato dalla notifica ufficiale a tutta la chiesa mondiale della dichiarazione di santità dei 22 Martiri dell'Uganda.

 

Celebrazione locale - Canonizzazione

Nel febbraio 1965, l'Uganda ha tenuto tre giorni di festeggiamenti per celebrare la canonizzazione dei martiri cattolici. Papa Paolo VI ha inviato un suo inviato speciale, il cardinale Gregory Agagianian, per partecipare alle celebrazioni.

Il cardinale Agagianian ha anche visitato l'allora presidente, Sir Edward Mutesa, e il primo ministro Apollo Milton Obote. I festeggiamenti sono iniziati il ​​5 febbraio 1965, al santuario dei Martiri di Mityana, dove è morto Noah Mawagali, unico martire cattolico.

Centinaia di persone, tra politici locali e vescovi provenienti da altri paesi africani hanno partecipato per l'occasione.

 

 

 


Fonte: Henry Lubega in Daily Monitor (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Hanno detto di Lui

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit