S. Francesca Cabrini, la missionaria invitata da Pio X a occuparsi degli immigrati italiani in USA

 Frances Cabrini Statue on ParadeUna statua di Santa Francesca Saverio Cabrini nella diocesi di Brooklyn/New York durante la parata del Columbus Day a New York City il 14 ottobre. Gli italo-americani e molti altri onorano la santa patrona degli immigrati con una statua pubblica. (Foto: Gregory A. Shemitz)

Recentemente sono arrivato a New York City con un sacerdote di El Salvador che era in visita al fratello nel New Jersey. Il prete non aveva mai sentito parlare di Santa Francesca Saverio Cabrini, così gli ho detto che poteva pregare per i suoi familiari negli Stati Uniti, alcuni dei quali stanno per ottenere lo status legale.


Alla Penn Station di New York, ho avuto qualche difficoltà ad acquistare un biglietto per la metropolitana. Una macchina non accettava le carte di credito e sono stato aiutato in parte da un poliziotto che era lì vicino. Sembrava che il mondo intero fosse in metropolitana quel giorno. L'uomo davanti a me nella fila della macchina dei biglietti ha premuto il pulsante delle istruzioni in lingua cinese.


Un'altra donna con forte accento straniero ha parlato al poliziotto gentile della difficoltà di ottenere una tariffa scontata per anziani, e lui ha risposto che tale sconto richiede un documento d'identità ufficiale. Il modo in cui parlava con lei suggeriva che temeva che lei non avesse un tale documento.


Ho trovato questo preludio appropriato per la visita alle reliquie di Madre Cabrini, i cui resti sono in una teca di vetro sotto l'altare del suo santuario nel quartiere di Washington Heights di Upper Manhattan. Ha trascorso la sua vita lavorando per gli immigrati e conosceva di prima persona alcuni degli ostacoli che incontrano.


È nata il 15 luglio 1850, a Sant’Angelo Lodigiano in Lombardia, la più giovane dei 13 figli di genitori agricoltori. Mentre cresceva in un paese che era molto diviso dal movimento laicista e anticlericale del Risorgimento, la persecuzione della Chiesa da parte delle autorità civili ha risvegliato lo spirito missionario in Lombardia, e molti sacerdoti e religiosi andavano nelle missioni oltremare.


Questo è stato un amore precoce della giovane Francesca, che faceva barchette di carta e le caricava con violette, fingendo di mandarle ad evangelizzare la Cina.


La Divina Provvidenza ha scelto questa ragazza, allevata in gran parte dalla sorella Rosa, più anziana e molto rigorosa, per superare le difficoltà diventando insegnante, poi direttrice di un orfanotrofio, poi fondatrice delle Missionarie del Sacro Cuore, poi missionaria, non in Cina, dove il suo santo patrono, San Francesco Saverio aveva sognato di evangelizzare, ma per le regioni selvagge dell'America, per le strade di New York, Chicago, Denver, New Orleans e Los Angeles.


Era una donna formidabile che ha vissuto una vita di molte contraddizioni: la ragazza che temeva l'acqua ha attraversato l'oceano decine di volte; la giovane donna la cui salute scadente ha indotto una comunità religiosa di non accettarla, ha fondato una Congregazione; la religiosa ubbidiente alla volontà della Chiesa, a volte ha dovuto resistere al consiglio dei vescovi e dei sacerdoti; la santa dedicata al voto di povertà, ha imparato a negoziare immobili e mutui a suo favore (e per la gloria di Dio); la persona che ha sofferto problemi di salute per tutta la vita, ha fondato ospedali.


Non c'è da stupirsi se Padre Segundo Galilea, nella sua biografia della santa, ha scelto come titolo un paradosso notoriamente descritto da San Paolo: “Nella debolezza, forza”.


Papa Leone XIII presumibilmente le disse: “Va', non in Oriente, ma in Occidente”, e anche se San Pio X ha incoraggiato il suo lavoro con gli immigrati italiani, la sua missione è diventata molto più ampia di quella.


Sulla spinta del Beato Giovanni Scalibrini, l'Arcivescovo Michael Corrigan di New York aveva invitato la Cabrini a New York per organizzare un orfanotrofio e una scuola per i figli degli immigrati italiani. La comunicazione attraverso l'oceano era lenta e non ha mai ricevuto la lettera di revoca dell'invito.


Nel suo primo giorno a New York dopo un viaggio transatlantico burrascoso, è stata informata che l'arcivescovo pensava che lei avrebbe dovuto rifare i bagagli e tornare a casa con le sue sorelle. Ha detto con fermezza all'arcivescovo che il Santo Padre le aveva chiesto di accettare la missione e che lei sarebbe rimasta.


Da allora in poi, si è visto lo speciale carisma di guida della Cabrini nel suo enorme successo nel formare religiose a realizzare tutte le opere di carità che ha iniziato. A Los Angeles, è stata ispirata a trovare istituzioni di beneficenza per i figli degli immigrati messicani, fondando scuole, orfanotrofi e ospedali.


Le sue “sorelle” erano stupite dalla serie di avvenimenti provvidenziali che non potevano resistere a chiamare miracoli: soldi scoperti nei momenti critici, donatori apparsi nei giorni di pioggia, immobili improvvisamente disponibili, persone potenti (compresi prelati) che improvvisamente abbandonano la loro opposizione ai progetti.


La Cabrini diceva che lei faceva il lavoro preliminare di scegliere il sito e il Sacro Cuore doveva trovare i fondi. Gesù non ha mai mancato di fare la sua parte.


Come tutti i santi, aveva una rete di alleati. Ha incontrato e consigliato uno spirito affine in Santa Caterina Drexel, che ha fondato le Suore del Santissimo Sacramento per lavorare nella formazione dei nativi americani e degli afro-americani. Entrambe erano preoccupate per le persone ai margini, ed entrambe avrebbero molto da dire ai cattolici americani contemporanei.

Casket with Frances Cabrini bodyIl corpo di Santa Francesca Saverio Cabrini riposa in una teca di vetro sotto l'altare nella Cappella privata del santo nella sezione Washington Heights di New York City. (Foto: Gregory A. Shemitz)


Un vecchio prete di Cleveland mi ha detto che l'arcivescovo Edward Hoban di Cleveland aveva detto una volta che conosceva la Cabrini e che era meglio che alcuni santi vadano in paradiso, perché rendono le cose piuttosto difficili per noi qui sulla terra.


Vallo a dire al governatore di New York e al sindaco di New York City, che oggi sono in disaccordo sull'onorare una donna che i loro antenati italiani devono avere venerato. Anche se la Cabrini ha ricevuto il maggior numero di voti necessari per essere riconosciuta con una statua come una donna che ha contribuito a “costruire” la città, la moglie del sindaco ha scelto un altro candidato per quell'onore.


La diocesi di Brooklyn ha risposto sponsorizzando una marcia in suo onore il 6 ottobre scorso. Posso immaginare la santa imperturbabile servire a entrambi gli uomini una delle sue famose citazioni: “È difficile raddrizzare quello che è diventato storto”.


Mentre la santa sta ancora incontrando il pregiudizio della classe dirigente secolare, penso che sia peggio che persino i cattolici ignorano la sua memoria, in particolare a causa degli echi di antipatia per i poveri immigrati che vediamo e sentiamo oggi.


C'è un piccolo museo nel Santuario della Santa Francesca Cabrini a New York City. Esso comprende uno zucchetto bianco donato da Pio X in segno della sua stima per la suora italiana e altri ricordi.


L'elemento che mi ha colpito di più è un paio di scarpe malconce della santa, forse una taglia 4 (32/33 in EU), evidentemente logorato dalle fatiche missionarie della Cabrini. Era un po' una Madre Teresa di Calcutta dei suoi giorni, fondando una congregazione con una crescita esponenziale, attraversando oceani e confini nazionali, occupandosi di tutti i tipi di persone e comunicando il suo amore per Cristo alle moltitudini.

saint frances cabrini shoesUn paio di scarpe di Santa Francesca Saverio Cabrini nel museo del suo Santuario a New York City. (Mons. Richard Antall)
Galilea non esita a chiamarla una mistica coinvolta in un vortice di attività. “Dammi la tua grazia, Gesù amorevole", ha scritto in una preghiera, “e io ti seguirò fino alla fine, per sempre. Aiutami, Gesù, perché voglio fare questo con fervore ardente, subito“.


Avevo cominciato il mio pellegrinaggio alla tomba di Madre Cabrini nella metropolitana, ma non mi rendevo conto di quant'era appropriato fino a quando non ho saputo che erano stati per lo più uomini italiani che hanno scavato i tunnel della prima linea della metropolitana di New York, ricevendo $ 1,25 per 12 ore al giorno.


Madre Cabrini si è presa cura dei figli di quei lavoratori italiani, proprio come si è occupata dei figli dei minatori italiani in Pennsylvania e Colorado, e quelli dei lavoratori agricoli immigrati in Louisiana. E quando quegli uomini o le loro mogli si ammalavano, voleva che fossero in grado di andare in un ospedale dove avrebbero ricevuto cure adeguate. Lei è un'eroina americana cattolica.


Per la Cabrini, occuparsi degli immigrati era una questione di vita familiare. Oggi non avrebbe ignorato che gran parte del problema degli immigrati senza documenti riguarda la riunione delle famiglie, una cosa complicata ulteriormente dalla bufera di documenti e anni di ritardo che affrontano i genitori che vogliono solo allevare i propri figli, nel paese che hanno adottato come proprio.


Molti immigrati messicani pregano San Toribio Romo quando affrontano il loro faticoso cammino verso il nostro paese. Era un sacerdote santo martirizzato durante le persecuzioni in Messico associate alla guerra cristera (“La Cristiada”).


Tuttavia, è auspicabile che più famiglie di immigrati conoscano e invochino l'intercessione della Cabrini. Lei non era solo una immigrata, ma una cittadina e la prima santa americana canonizzata.


La sua connessione personale con Los Angeles dovrebbe fare appello al popolo del sud della California e in particolare a quelli che, come lei, amano Gesù e confidano nel suo Sacro Cuore. A un certo punto nella sua preghiera lei sentiva che Gesù scambiava il proprio cuore con il suo e le diceva di “usare il mio cuore d'ora in poi”.


Possano le preghiere di Santa Francesca Saverio Cabrini fare che questo accada per noi.

 

 

 


Fonte: Monsignor Richard Antall in Angelus News (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Hanno detto di Lui

Area riservata

Accedi

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.