NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Domenica 10 novembre: Giornata di ringraziamento per i frutti della terra

Frutti-della-terra.jpgDiffuso il Messaggio della Commissione episcopale italiana per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace in occasione della 69.esima Giornata nazionale del ringraziamento, il prossimo 10 novembre. Il tema è: “Dalla terra e dal lavoro: pane per la vita.

 

“Il pane, frutto della terra e del lavoro dell’uomo, diventi alimento di vita, di dignità e di solidarietà”. In un Messaggio per la 69.esima Giornata nazionale del ringraziamento, il prossimo 10 novembre, i vescovi italiani auspicano che “il pane sia accolto in stili di vita senza spreco e senza avidità, capaci di gustarlo con gratitudine, nel segno del ringraziamento, senza le distorsioni della sua realtà”. Il pane, infatti, “è fonte di vita, espressione di un dono nascosto che è ben più che solo pane, di una misericordia radicale, che tutto valorizza e trasforma”.

 

Pane di giustizia

Il pane, rimarcano i presuli, dovrebbe essere prodotto “ogni giorno rispettando la terra e i suoi frutti, valorizzandone la biodiversità e garantendo condizioni giuste ed equa remunerazione” per “chi la lavora”, evitando “le forme di caporalato, di lavoro nero o di corruzione”. Il pane, si legge nel Messaggio, “non può essere usato per vere e proprie guerre economiche, che i paesi economicamente forti conducono sul piano della filiera di commercializzazione, per imporre un certo tipo di produzione ai mercati più deboli”. Nulla, dunque, “neppure le forme della produzione industriale”, “deve offuscare la realtà di un pane che nasce dalla terra e dall’amore di chi la lavora, per la buona vita di chi lo mangerà”.

 

Germe di pace

La forza simbolica del pane si trasfigura nell’Eucaristia, aiutando a comprendere “la realtà di un pane che è fatto per essere spezzato e condiviso, nell’accoglienza reciproca”. Nella preghiera cristiana del Padre nostro, insistono i vescovi italiani, “chiediamo a Dio di darci ‘il nostro pane quotidiano’: una richiesta che ciascuno non fa solo per sé, ma per tutti. Se si chiede il pane, lo si chiede per ogni uomo”. “Per tanti popoli il pane non è solo un cibo come tanti altri, ma elemento fondamentale, che spesso è base per una buona vita – concludono – quando manca, invece, è la vita stessa ad essere a repentaglio e ci si trova esposti ad un’insicurezza che alimenta tensioni sociali e conflitti laceranti”.

 

 

 


Fonte: Barbara Castelli su Vatican.news

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

News dal Vaticano

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit