Ricostruiti 400 anni dopo i volti dei '3 martiri di Kosice' beatificati da Pio X

Stampa

Three Kosice MartyrsTre martiri di Kosice: Santo Stefano Pongracz (a sinistra), San Marco Krizin (al centro) e San Melchior Grodziecki (a destra).

I volti dei tre martiri di Kosice - i preti cattolici Mark Krizin, Melchior Grodziecki e Stephen Pongracz, che sono stati uccisi durante la sollevazione protestante nel 1619 - sono stati ricostruiti da una squadra forense internazionale in occasione del 400° anniversario della loro morte.


Le ricostruzioni facciali finali sono state prodotte dal famoso designer 3D brasiliano Cicerone Moraes, che in passato si è impegnato in un simile sforzo con Sant'Antonio di Padova, ad esempio.


"L'aspetto dei loro volti ha una corrispondenza stimata di circa il 90% al reale. Il restante 10% si riduce alla pettinatura, al colore dei capelli e al colore degli occhi, che sono informazioni che non possono essere ottenute senza analisi piuttosto complicate del DNA", ha detto Jiri Sindelar, l'esperto ceco di scansione 3D che ha preso parte al progetto.


I resti dei tre martiri sono conservati in reliquiari di Trnava (Slovacchia) e Esztergom (Ungheria). L'arcidiocesi di Esztergom, durante il regno di Ungheria, copriva fino all'80% della Slovacchia.


"In Stephen Pongracz, abbiamo identificato le lesioni sul lato sinistro dell'osso parietale, una lesione che poteva essere dovuta a un incidente alla testa e una lesione alla zona del collo. Tuttavia, non abbiamo identificato chiaramente lesioni in nessuno dei tre che suggerirebbero senza ambiguità le cause della loro morte. Assumiamo invece che hanno subito lesioni tali da debilitare il loro corpo e che sono morti lentamente", ha detto Michaela Doernhoeferova del Dipartimento di Antropologia dell'Università di Comenius. Ha detto che alcune prove in precedenza suggerivano che Melchior Grodziecki sia stato probabilmente decapitato dopo la morte.


Lo storico della chiesa Peter Zubko ha detto che un esame delle ossa ha rivelato la crudeltà degli autori. "Non è stata morte accidentale o uccisione spontanea; è stato invece un deliberato [triplice] omicidio che ha richiesto un po' di tempo", ha detto.


Una grande ribellione protestante contro gli Asburgo scoppiò nelle terre ceche nel 1619. Vi si unirono i luterani nel Regno d'Ungheria, che invitarono il principe della Transilvania Gabriel Bethlen, anch'egli protestante, a diventare il loro capo. Egli mandò una forte forza militare nel Regno d'Ungheria e conquistò la maggior parte della Slovacchia odierna.


Si è detto che il leader predicatore calvinista Pietro Alvinci di Kosice - all'epoca in gran parte una città protestante, con la cattedrale gotica locale di Santa Elisabetta nelle mani dei calvinisti - ha avuto un ruolo chiave nell'arresto e nella tortura dei tre missionari cattolici, che vedeva come rivali. Testimoni hanno riferito che Stephen Pongracz, per esempio, dopo aver rifiutato di abbandonare la Chiesa cattolica, è stato colpito due volte alla testa con un'ascia, ma è morto non prima delle successive venti ore.


Dopo essere stati uccisi, i corpi dei tre sacerdoti sono stati gettati nelle fogne, ma in seguito sono stati sepolti in un luogo segreto con il permesso del consiglio comunale. Sei mesi dopo, le loro spoglie furono scoperte per volere di una nobildonna di alto rango, e alla fine finirono a Trnava ed Esztergom.


Mark Krizin (nato nell'odierna Croazia), Melchior Grodziecki (di origine polacca) e Stephen Pongracz (dalla Transilvania, l'odierna Romania) sono stati beatificati dal Papa e Santo Pio X nel 1905 e successivamente canonizzati da Giovanni Paolo II nel 1995.

 

 

 


Fonte: News Agency of the Slovak Republic (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.