La scienza ha scoperto Dio?

Stampa

 

 

Einstein non credeva che fosse possibile. Stephen Hawking ha detto che potrebbe essere la più grande scoperta scientifica di tutti i tempi.

Quale scoperta ha sconcertato le più grandi menti scientifiche del secolo scorso, e perché le ha indotte a ripensare l'origine del nostro universo? Nuovi e più potenti telescopi hanno rivelato i misteri sul nostro universo che hanno sollevato nuove questioni circa l'origine della vita.

La scienza ha scoperto Dio?

Ma aspetta un minuto! La scienza non ha provato che non abbiamo bisogno di Dio per spiegare l'universo? Fulmini, terremoti e anche i bambini usati per essere spiegati come atti di Dio. Ma ora sappiamo meglio. Che cos’ha questa scoperta da essere così fondamentalmente diversa, e perché ha stupito il mondo scientifico?

Questa scoperta, e ciò che hanno capito i biologi molecolari sulla sofisticata codifica all'interno del DNA ha indotto molti scienziati ad ammettere solo ora che l'universo sembra essere parte di un grande disegno.

Un cosmologo si esprime così: "Molti scienziati, quando confessano i loro punti di vista, virano verso l'argomento progetto, o teleologico". [1]

Sorprendentemente, molti scienziati che parlano di Dio non hanno alcun credo religioso. [2] Quindi, quali sono queste scoperte meravigliose che hanno improvvisamente fatto parlare gli scienziati di Dio? Spiccano tre scoperte rivoluzionarie nel campo dell’astronomia e della biologia molecolare:

  1. L'universo ha avuto un inizio
  2. L'universo è giusto per la vita
  3. Il codice del DNA rivela un’intelligenza

Le dichiarazioni che hanno fatto i principali scienziati su queste scoperte potrebbero scioccarci. Diamo un'occhiata.

 

big bangInizio unico

Sin dagli albori della civiltà l'uomo ha guardato con soggezione le stelle, chiedendosi cosa sono e come ci sono arrivate. Anche se in una notte chiara l'occhio nudo umano può vedere circa 6.000 stelle, Hubble e altri telescopi potenti indicano che ce ne sono migliaia di miliardi, raggruppate in più di 100 miliardi di galassie. Il nostro sole è come un granello di sabbia in mezzo alle spiagge del mondo.

Tuttavia, prima del 20° secolo, la maggior parte degli scienziati credeva che la nostra Via Lattea fosse tutto l'universo, e che esistessero solo circa 100 milioni di stelle.

La maggior parte degli scienziati riteneva che il nostro universo non avesse mai avuto un inizio. Credevano che massa, spazio ed energia fossero sempre esistiti.

Ma nei primi anni del 20° secolo, l'astronomo Edwin Hubble scoprì che l'universo è in espansione. Riavvolgendo il processo matematicamente, ha calcolato che ogni cosa nell'universo, compreso materia, energia, spazio e anche il tempo stesso, in realtà ha avuto un inizio.

Le onde d'urto si sono diramate in modo assordante in tutta la comunità scientifica. Molti scienziati, compreso Einstein, hanno reagito negativamente. In quello che Einstein in seguito ha chiamato "il più grande granchio della mia vita", ha eluso le equazioni per evitare le implicazioni di un inizio. [3]

Forse l'avversario più feroce di un inizio dell'universo era l’astronomo inglese Sir Fred Hoyle, che ha soprannominato sarcasticamente l'evento della creazione «big bang». Ha ostinatamente insistito sulla sua teoria dello stato stazionario che l'universo è sempre esistito. Così ha fatto Einstein e altri scienziati fino a quando la prova di un inizio è diventata schiacciante. L'implicazione «elefante nella stanza» di un inizio è che qualcosa o qualcuno oltre la ricerca scientifica deve aver iniziato il tutto.

Infine, nel 1992, gli esperimenti del satellite COBE hanno dimostrato che l'universo ha avuto davvero un inizio unico a partire da un incredibile lampo di luce ed energia. [4] Anche se alcuni scienziati l’hanno chiamarono «momento della creazione», la più parte si riferisce ad esso come il «big bang».

L'astronomo Robert Jastrow cerca di aiutarci a immaginare come tutto è cominciato. "L'immagine suggerisce l'esplosione di una bomba cosmica all'idrogeno. L'istante in cui la bomba cosmica è esplosa ha segnato la nascita dell'Universo" [5].

Tutto da Niente

La scienza non è in grado di dirci che cosa o chi ha causato l’inizio dell'universo. Ma alcuni credono che punti chiaramente a un Creatore. Il teorico britannico Edward Milne ha scritto un trattato matematico sulla relatività che ha concluso dicendo: “Per quanto riguarda la causa prima dell'Universo, nel contesto dell’espansione, la lasciamo inserire al lettore, ma la nostra immagine è incompleta senza di Lui" [6].

Un altro scienziato britannico, Edmund Whittaker, ha attribuito l'inizio del nostro universo al "Divino che costituisce la natura dal nulla" [7].

Molti scienziati sono stati colpiti dal parallelo di un unico evento di creazione dal nulla con il racconto della creazione biblica in Genesi 1:1 [8]. Prima di questa scoperta, molti scienziati consideravano il racconto biblico della creazione dal nulla come non scientifica.

Anche se si auto-definiva agnostico, Jastrow fu costretto dalle prove di ammettere: "Ora vediamo che l'astronomia ci porta ad una visione biblica dell’origine del mondo". [9]

Un altro agnostico, George Smoot, lo scienziato premio Nobel responsabile dell'esperimento COBE, concorda anch’egli con il parallelo. "Non c'è dubbio che esiste un parallelo tra il Big Bang come evento e la nozione cristiana della creazione dal nulla" [10].

Gli scienziati abituati a schernire la Bibbia come un libro di fiabe, stanno ora ammettendo che il concetto biblico di creazione dal nulla è sempre stato valido.

I cosmologi, specializzati nello studio dell'universo e delle sue origini, ben presto si sono resi conto che una esplosione cosmica casuale non avrebbe mai potuto portare la vita, più di quanto avrebbe potuto fare una bomba nucleare; a meno che non fosse progettata precisamente per farlo. E questo significava che un progettista deve averlo pianificato. Hanno cominciato ad usare parole come "Super-intelligenza", "Creatore", e anche "Essere Supremo" per descrivere questo progettista. Diamo un'occhiata al perché.

 

Perfetto per la vita

Regolato finemente per la Vita

I fisici hanno calcolato che perché potesse esistere la vita, la gravità e le altre forze della natura necessarie per essere esattamente richieste, o il nostro universo, non potevano esistere. Se il tasso di espansione fosse stato leggermente più debole, la gravità avrebbe riportato tutta la materia in un «grande scricchiolio».

Non stiamo parlando di una semplice riduzione dell’uno o due per cento del tasso di espansione dell'universo. Stephen Hawking scrive: "Se il tasso di espansione un secondo dopo il Big Bang fosse stato più piccolo anche di una parte su centomila milioni di milioni, l'universo sarebbe nuovamente crollato prima di raggiungere la sua dimensione attuale" [11].

Il rovescio della medaglia, se il tasso di espansione fosse stato una mera frazione più grande di quanto non è stato, galassie, stelle e pianeti non avrebbero mai potuto formarsi, e noi non saremmo qui.

E perché esistesse la vita, anche le condizioni del nostro sistema solare e del pianeta avevano bisogno di essere proprio queste. Ad esempio, tutti ci rendiamo conto che senza un’atmosfera di ossigeno, nessuno di noi sarebbe in grado di respirare. E senza l'ossigeno, l'acqua non potrebbe esistere. Senza acqua non ci sarebbe pioggia per le nostre colture. Altri elementi come l'idrogeno, azoto, sodio, carbonio, calcio e fosforo sono essenziali per la vita.

Ma questo da solo non è tutto ciò che è necessario perché esista la vita. Le dimensioni, la temperatura, la vicinanza relativa, e la composizione chimica del nostro pianeta, del sole, e della luna dovevano essere quelle giuste. E ci sono decine di altre condizioni che dovevano essere squisitamente messe a punto o non saremmo qui a pensarci. [12]

Gli scienziati che credono in Dio possono essersi aspettati una messa a punto così fine, ma gli atei e gli agnostici non potevano spiegare le notevoli "coincidenze". Il teorico fisico Stephen Hawking, un agnostico, scrive: "Il fatto notevole è che i valori di questi numeri sembrano essere stati regolati molto finemente per rendere possibile lo sviluppo della vita". [13]

Incidente o miracolo?

Ma questa regolazione fine non può essere attribuita al caso? Dopo tutto, gli scommettitori sanno che anche i colpi in extremis possono alla fine vincere in pista. E, contro ogni probabilità contraria, le lotterie alla fine sono vinte da qualcuno. Quindi, quali sono le probabilità che la vita umana sia nata per caso da un’esplosione casuale nella storia cosmica?

Che la vita umana sia stata possibile da un big bang sfida le leggi della probabilità. Un astronomo calcola le probabilità in meno di una su trilioni di trilioni di trilioni di trilioni di trilioni di trilioni di trilioni di trilioni di trilioni di trilioni di trilioni di trilioni [14]. Sarebbe di gran lunga più facile per una persona bendata scoprire (al primo tentativo) un granello di sabbia appositamente contrassegnato tra tutte le spiagge del mondo.

Un altro esempio di quanto sarebbe stato improbabile per un big bang casuale produrre la vita è una persona che vince oltre mille lotterie consecutive da mega-milioni di dollari, acquistando un solo biglietto per ognuna di esse.

Quale sarebbe la nostra reazione a tali notizie? Impossibile, a meno che non sia stato preparato da qualcuno dietro le quinte, quello che tutti penserebbero. E questo è ciò che molti scienziati stanno concludendo: Qualcuno dietro le quinte ha progettato e creato l'universo.

Questa nuova comprensione di come la vita umana miracolosa è presente nel nostro universo ha portato l'astronomo agnostico George Greenstein a chiedere: "E' possibile che improvvisamente, senza volerlo, siamo inciampati sulla prova scientifica dell'esistenza di un Essere Supremo?" [15 ]

Tuttavia, come agnostico, Greenstein mantiene la sua fede nella scienza, piuttosto che su un Creatore, per spiegare in ultima analisi, le nostre origini. [16]

Jastrow spiega perché alcuni scienziati sono riluttanti ad accettare un Creatore trascendente: “C'è una sorta di religione, nella scienza; è la religione di una persona che crede che ci sia ordine e armonia nell'universo ... Questa fede religiosa dello scienziato è violata dalla scoperta che il mondo ha avuto un inizio in condizioni in cui le leggi note della fisica non sono valide, e come prodotto di forze o circostanze che non possiamo scoprire. Quando ciò accade, lo scienziato ha perso il controllo. Se avesse davvero esaminato le implicazioni, ne sarebbe traumatizzato”. [17]

E' comprensibile il motivo per cui scienziati come Greenstein e Hawking cerchino altre spiegazioni, piuttosto che attribuire il nostro universo regolato finemente a un Creatore. Hawking ipotizza che possano esistere altri universi invisibili (e indimostrabili), aumentando le probabilità che uno di loro (il nostro) sia perfettamente regolato per la vita. Tuttavia, dal momento che la sua proposta è una ipotesi, e non verificabile, difficilmente può essere chiamata «scientifica». Anche se anche lui è agnostico, l’astrofisico britannico Paul Davies respinge l'idea di Hawking come troppo congetturale. Egli scrive: "Una tale convinzione deve basarsi sulla fede piuttosto che sull’osservazione" [18].

Anche se Hawking continua a guidare la carica ad esplorare le spiegazioni puramente scientifiche delle nostre origini, altri scienziati, tra cui molti agnostici, hanno riconosciuto quella che sembra essere la prova schiacciante di un Creatore. Hoyle ha scritto: "Un'interpretazione di buon senso dei fatti suggerisce che un super-intelletto abbia giocato con la fisica, così come con la chimica e la biologia, e che non ci sono forze cieche di cui valga la pena di parlare in natura" [19].

Anche se Einstein non era religioso, e non credeva in un Dio personale, ha chiamato il genio dietro l'universo "un'intelligenza di tale superiorità che, rispetto ad essa, tutto il pensiero sistematico e l’agire degli esseri umani è un riflesso assolutamente insignificante" [20].

L’ateo Christopher Hitchens, che ha trascorso gran parte della sua vita a scrivere e dibattere contro Dio, era più perplesso per il fatto che la vita non potrebbe esistere se le cose fossero diverse di solo "un grado o un capello" [21].

Davies riconosce che “Esiste per me la prova potente che qualcosa che sta accadendo dietro a tutto. Sembra come se qualcuno abbia messo a punto i numeri della natura per produrre l'universo .... L'impressione di un progetto è schiacciante”. [22]

 

DNADNA: Il linguaggio della vita

L’astronomia non è l'unica area in cui la scienza ha visto le prove della progettazione. I biologi molecolari hanno scoperto un disegno intricatamente complesso nel mondo microscopico di DNA. Nel secolo scorso, gli scienziati hanno capito che una piccola molecola chiamata DNA è il «cervello» che sta dietro ogni cellula del nostro corpo, così come di ogni altro essere vivente. Tuttavia più scoprono sul DNA, più sono stupiti dalla brillantezza che sta dietro.

Gli scienziati che credono che il mondo materiale sia tutto ciò che esiste (materialisti), come Richard Dawkins, sostengono che il DNA si è evoluto per selezione naturale, senza un Creatore. Eppure, anche gli evoluzionisti più accaniti ammettono che l'origine della complessità intricata del DNA è inspiegabile.

La complessità intricata del DNA ha indotto il suo co-scopritore, Francis Crick, a credere che non potrebbe mai aver avuto origine sulla terra in modo naturale. Crick, un evoluzionista che credeva che la vita è troppo complessa per aver avuto origine sulla terra, e che deve provenire dallo spazio, ha scritto: “Un uomo sincero, armato di tutte le conoscenze a nostra disposizione ora, potrebbe solo affermare che in un certo senso, l'origine della vita appare al momento quasi un miracolo, tante sono le condizioni che avrebbero dovuto essere soddisfatte di farla funzionare” [23].

La codifica dietro il DNA rivela una tale intelligenza da far barcollare l'immaginazione. Una semplice capocchia di spillo di DNA contiene informazioni equivalenti a una pila di libri tascabili che circondano la Terra 5.000 volte. E il DNA funziona come un linguaggio, con un proprio codice software estremamente complesso. Il fondatore di Microsoft Bill Gates dice che il software del DNA è "molto, molto più complesso di qualsiasi software che abbiamo mai sviluppato" [24].

Dawkins e altri materialisti credono che tutta questa complessità abbia avuto origine attraverso la selezione naturale. Eppure, come ha osservato Crick, la selezione naturale non avrebbe mai potuto produrre la prima molecola. Molti scienziati ritengono che la codifica all'interno della molecola del DNA punti a un'intelligenza di gran lunga superiore a quella che potrebbe essersi verificata per cause naturali.

Nei primi anni del 21° secolo, l’ateismo del leader ateo Antony Flew è arrivato a una brusca fine quando ha studiato l'intelligenza che sta dietro il DNA. Flew spiega quello che ha cambiato la sua opinione: “Quello che penso che abbia fatto il materiale DNA è dimostrare che deve essere stata coinvolta l'intelligenza per ottenere questi elementi straordinariamente diversi tra loro. L'enorme complessità con cui sono stati raggiunti i risultati mi sembra lavoro d’intelligenza .... Ora mi sembra che le scoperte di oltre cinquanta anni di ricerca sul DNA abbiano fornito argomenti straordinariamente forti a favore della progettazione” [25].

Anche se Flew non era cristiano, ha ammesso che il «software» che sta dietro il DNA è troppo complesso per aver avuto origine senza un «progettista». La scoperta dell'intelligenza incredibile dietro al DNA ha, nelle parole di questo ex leader ateo, "fornito argomenti straordinariamente forti a favore della progettazione. "

Le impronte digitali di un Creatore

Gli scienziati sono ora convinti che un Creatore abbia lasciato le sue «impronte digitali» sull'universo?

Anche se molti scienziati sono ancora intenzionati a schiacciare Dio fuori dell'universo, la maggior parte riconosce le implicazioni religiose di queste nuove scoperte. Nel suo libro «The Grand Design» Stephen Hawking, che non crede in un Dio personale, tenta di spiegare perché l'universo non ha bisogno di Dio. Eppure, di fronte all’evidenza, anche Hawking, ha ammesso che "Ci devono essere sfumature religiose. Ma credo che la maggior parte degli scienziati preferiscono rifuggire dal lato religioso" [26].

Come agnostico, Jastrow non aveva un'agenda Cristiana dietro le sue conclusioni. Tuttavia, egli riconosce liberamente il caso convincente di un Creatore. Jastrow scrive dello shock e della disperazione vissuta dagli scienziati che pensavano di aver spinto Dio fuori dal loro mondo: “Per lo scienziato che ha vissuto con la sua fede nel potere della ragione, la storia finisce come un brutto sogno. Ha scalato le montagne dell'ignoranza; egli è in procinto di conquistare la vetta più alta; come si erge sopra la roccia finale, è accolto da un gruppo di teologi che erano seduti lì da secoli”. [27]

Un Creatore Persona?

Se c'è un Creatore superintelligente, si pone la questione: che cosa è? È solo una qualche Forza come in Star Wars, o è un essere in persona come noi? Dal momento che noi siamo esseri personali e relazionali, non sarà che quello che ci ha creato è anch’egli un essere personale e relazionale?

Molti scienziati come Arthur L. Schawlow, professore di fisica della Stanford University, vincitore del premio Nobel per la fisica, ritengono che queste nuove scoperte forniscano prove convincenti per un Dio personale. Egli scrive: "Mi sembra che quando si è di fronte alle meraviglie della vita e dell'universo, ci si deve chiedere perché e non solo come. Le uniche risposte possibili sono religiose .... Trovo un bisogno di Dio nell'universo e nella mia vita" [28]. Se Dio è personale, e dal momento che ci ha dato la capacità di comunicare, non dovremmo aspettarci che comunichi con noi e ci faccia sapere il motivo per cui siamo qui?

Come abbiamo visto, la scienza non è in grado di rispondere alle domande su Dio e sullo scopo della vita. Tuttavia, dal momento che la Bibbia aveva ragione circa la creazione dal nulla, potrebbe anche essere degna di fiducia per quanto riguarda Dio, la vita e lo scopo?

Duemila anni fa un uomo mise piede sul nostro pianeta, sostenendo di avere la risposta alla vita. Anche se il suo tempo sulla terra è stato breve, il suo impatto ha cambiato il mondo, e lo si sente ancora oggi. Il suo nome è Gesù Cristo.

I testimoni oculari di Gesù Cristo ci dicono che ha continuamente dimostrato potere creativo sulle leggi della natura. Ci dicono che era saggio, umile e compassionevole. Egli guarì zoppi, sordi e ciechi. Fermò tempeste furiose in un attimo, ha creato cibo per gli affamati quando serviva, ha trasformato l'acqua in vino ad un matrimonio, e anche resuscitato i morti. E hanno sostenuto che, dopo la sua esecuzione brutale, egli è risorto dai morti.

Ci dicono anche che Gesù Cristo è colui che ha gettato le stelle nello spazio, messo a punto il nostro universo e creato il DNA. Potrebbe essere uno di quelli che Einstein ha inconsapevolmente chiamato «superintelligenza» dietro l'universo? Gesù Cristo potrebbe essere uno di quelli che Hoyle inconsapevolmente ha detto che hanno “giocherellato con la fisica, la chimica e la biologia?"

Il mistero di chi era dietro il Big Bang e l'intelligenza del DNA è stata rivelata nel seguente resoconto del Nuovo Testamento?

“Ora, Cristo è l'espressione visibile del Dio invisibile. Egli esisteva prima dell'inizio della creazione, perché era attraverso di lui che tutto è stato fatto, sia spirituale che materiale, visto o non visto. Attraverso di lui, e per lui, anche, sono stati creati potenze e domini, proprietà e autorità. Infatti, ogni singola cosa è stata creata attraverso, e per, lui ... . La vita dal nulla è cominciata per mezzo di lui, e la vita dai morti è cominciata per mezzo di lui, e lui è, di conseguenza, giustamente chiamato il Signore di tutti”. [29]

Gesù parlava con autorità dell’amore di Dio per noi e della ragione per cui ci ha creati. Ha detto che ha un piano per la nostra vita, e che il piano è incentrato su un rapporto con se stesso. Ma perché questo rapporto sia possibile, Gesù doveva morire sulla croce per i nostri peccati. Ed è stato necessario per lui rinascere dai morti in modo che anche noi potessimo avere la vita dopo la morte. [30]

Se Gesù era il Creatore, certamente avrebbe avuto il potere sulla vita e sulla morte. E quelli più vicini a lui sostengono di averlo visto vivo dopo che è morto e sepolto per tre giorni.

Gesù è realmente risuscitato dai morti?

L'apostolo Paolo ci dice che la vita dai morti è cominciata per mezzo di Gesù Cristo. I testimoni oculari di Gesù Cristo in realtà hanno parlato e agito come se credessero che fosse fisicamente risorto dai morti dopo la sua crocifissione. Se si sbagliavano allora il cristianesimo è stato fondato su una menzogna. Ma se avevano ragione, un tale miracolo giustificherebbe tutto quello che Gesù ha detto su Dio, su se stesso, e su di noi.

Ma dobbiamo prendere la risurrezione di Gesù Cristo solo per fede, o ci sono solide evidenze storiche? Diversi scettici hanno iniziato indagini sulle registrazioni storiche che dimostrano che la risurrezione è falsa. Quello che hanno scoperto lo vedremo in un prossimo post.

 


Note:

  1. Harrison, E. 1985. Masks of the Universe. New York, Collier Books, Macmillan, pp. 252, 263.
  2. An atheist believes God doesn’t exist. An agnostic believes we can’t know.
  3. Brian Greene, The Elegant Universe (New York: Vintage, 2000), 81-82.
  4. George Smoot and Keay Davidson, Wrinkles in Time(New York: Avon, 1993), 241.
  5. Robert Jastrow, God and the Astronomers, (London: W. W. Norton, 1992), 13.
  6. Ibid., 104.
  7. Ibid., 103.
  8. Genesis 1:1, “In the beginning God created the heaven and the earth.”
  9. Jastrow, 14.
  10. Smoot and Davidson, 17.
  11. Stephen Hawking, The Illustrated A Brief History of Time (New York: Bantam, 1996), 156
  12. Hugh Ross, The Creator and the Cosmos (3rd ed.) (Colorado Springs, CO: NavPress, 2001), 224.
  13. Stephen Hawking, A Brief History of Time (New York: Bantam, 1990), 125.
  14. Hugh Ross, The Creator and the Cosmos (Colorado Springs, CO: NavPress, 2001), 198.
  15. George Greenstein, The Symbiotic Universe (New York: William Morrow, 1988), 27.
  16. Ibid., 189.
  17. Jastrow, 105.
  18. Paul Davies, God and the New Physics (New York: Simon & Schuster, 1983), 174.
  19. Fred Hoyle, “Let there be Light,” Engineering and Science (November 1981).
  20. Albert Einstein, Ideas and Opinions—The World As I See It (New York: Bonanza, 1931), 40.
  21. http://www.youtube.com/watch?v=GDJ9BL38PrI
  22. Paul Davies, The Cosmic Blueprint (New York: Simon & Schuster, 1988), 203.
  23. Francis Crick, Life Itself (New York: Simon & Schuster, 1981), 88.
  24. Quoted in William A. Dembski and James M. Kushiner, eds., Signs of Intelligence (Grand Rapids, MI: Brazos, 2001), 108.
  25. Quoted in Gary Habermas, “My Pilgrimage from Atheism to Theism”: Interview with Antony Flew, Philosophia Christi, (Winter, 2005).
  26. John Boslough, Stephen Hawking’s Universe (New York: Avon, 1989), 109.
  27. Jastrow, 107.
  28. Margenau, H. and R. A. Varghese, eds. Cosmos, Bios, Theos: Scientists Reflect on Science, God, and the Origins of the Universe, Life, and Homo Sapiens (Open Court Pub. Co., La Salle, IL, 1992).
  29. Colossians 1:15-17, J. B. Phillips.
  30. John 3:16; John 14:19.

 

Fonte: Y-Jesus.com (>English Text) - Traduzione di Franco Pellizzari

Copyright: © 2013 JesusOnline Ministries. This article is a supplement to Y-Jesus magazine by Bright Media Foundation & B&L Publications: Larry Chapman, Chief Editor. Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto di questo articolo non dipende da, nè impegna la Parrocchia di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.