G. De Mori, Avvenire d’Italia, 20/10/1941

“Resta incontroverso l’aver Egli superato il suo tempo, ed anticipato, come messo di Dio, il nostro presente e lo stesso avvenire”