NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Gesù è risuscitato dai morti? (2 di 3)

 

 

Seconda parte dell'articolo 'Gesù è risuscitato dai morti?'. La prima parte è qui.

Gesù è risuscitato dai morti?Gesù era morto?

"Marley era morto stecchito, di questo non c’era alcun dubbio": così inizia ‘A Christmas Carol’ di Charles Dickens, poiché l'autore non voleva che nessuno fosse scambiato per il personaggio soprannaturale che arriverà presto. Allo stesso modo, prima di assumere il ruolo di investigatori e di mettere insieme le prove della resurrezione, dobbiamo stabilire che c’era, in effetti, un cadavere. Dopo tutto, di tanto in tanto i giornali riferiscono di qualche ‘cadavere’ in un obitorio che si è mosso, e poi ripreso. Potrebbe essere accaduto qualcosa di simile con Gesù?

Alcuni hanno proposto che Gesù è sopravvissuto alla crocifissione ed è stato rianimato dall’aria fredda e umida della tomba. Ma questa teoria non quadra con le prove mediche. Un articolo del Journal of American Medical Association spiega perché questa cosiddetta ‘teoria di sonno profondo’ è insostenibile: "Chiaramente, il peso delle prove storiche e mediche indicano che Gesù era morto. La lancia spinta tra le sue costole a destra, ha probabilmente perforato non solo il polmone destro, ma anche il pericardio e il cuore e, quindi, ha garantito la sua morte" [15]. Ma lo scetticismo di questo verdetto può essere corretto, visto che questo caso è rimasto freddo per 2.000 anni. Per lo meno, abbiamo bisogno di una seconda opinione.

Un posto per scoprirlo è nelle relazioni degli storici non cristiani all’incirca del tempo in cui ha vissuto Gesù. Tre di questi storici hanno menzionato la morte di Gesù:

  1. Luciano di Samosata (c.120 - c.180/192). Riferisce di Gesù come un sofista (filosofo) crocifisso [16].
  2. Giuseppe Flavio (c.37 - c.100) ha scritto "A quel tempo apparve Gesù, un uomo saggio, perché era autore di atti sorprendenti. Quando Pilato lo ha condannato alla croce, gli uomini più importanti fra noi lo hanno accusato, chi lo ha amato non ha mai cessato di farlo" [17].
  3. Tacito (c. 56 - c.120) ha scritto "Cristo, da cui il nome ha origine, ha subito la pena estrema ... per mano del nostro procuratore Ponzio Pilato" [18].

Questo è un po' come andare negli archivi e trovare che in un giorno di primavera del primo secolo, il Jerusalem Post ha pubblicato un articolo in prima pagina dicendo che Gesù fu crocifisso e morto. Non male come lavoro investigativo, e abbastanza conclusivo.

In realtà, non c’è alcun resoconto storico dai cristiani, dai Romani, o dagli ebrei che confuta la morte di Gesù o la sua sepoltura. Anche gli studiosi scettici, che negano la risurrezione, concordano che Gesù era morto. Il famoso scettico James Tabor ha dichiarato: "Penso che non dobbiamo avere alcun dubbio sul fatto che, data l’esecuzione di Gesù per crocifissione romana, lui era davvero morto" [19]. John Dominic Crossan, co-fondatore del Seminario Jesus, notoriamente scettico, concorda sul fatto che Gesù è veramente vissuto e morto. Egli afferma "Che fosse crocifisso è sicuro come può esserlo un qualsiasi fatto storico" [20].

Alla luce di tale evidenza storica e medica, ci sembra di avere buoni motivi per respingere la prima delle nostre cinque opzioni: Gesù era chiaramente morto, "di questo non c’era alcun dubbio".

 

La questione di una tomba vuota

Nessuno storico serio dubita davvero che Gesù fosse morto quando è stato deposto dalla croce. Tuttavia, molti hanno messo in discussione il modo in cui il corpo di Gesù è scomparso dalla tomba. Il giornalista inglese Dr. Frank Morison inizialmente pensava che la risurrezione fosse un mito o una bufala, e ha iniziato la ricerca per scrivere un libro che la confutasse [21]. Il libro è diventato famoso, ma per ragioni diverse dal suo intento originale.

Morison ha iniziato tentando di risolvere il caso della tomba vuota. La tomba apparteneva a un membro del Consiglio Sinedrio, Giuseppe d'Arimatea. In Israele in quel momento, essere nel consiglio era come essere una rock star. Tutti sapevano chi era nel Consiglio. Giuseppe doveva essere una persona reale. In caso contrario, i leader ebrei avrebbero esposto la storia come una frode nel tentativo di confutare la risurrezione. Inoltre, la tomba di Giuseppe sarebbe stata in un luogo noto e facilmente identificabile, per cui dovrebbero essere respinti tutti i pensieri che Gesù fosse "perso nel cimitero".

Morison si è chiesto perché i nemici di Gesù avrebbero permesso al "mito della tomba vuota" di persistere se non fosse stato vero. La scoperta del corpo di Gesù avrebbe immediatamente ucciso l'intera trama. E ciò che è noto storicamente dei nemici di Gesù è che hanno accusato i discepoli di Gesù di furto del corpo, accusa chiaramente basata sulla convinzione condivisa che la tomba era vuota.

Il Dr. Paul L. Maier, docente di storia antica alla Western Michigan University, ha dichiarato allo stesso modo: "Se tutte le prove sono soppesate accuratamente ed equamente, è in effetti giustificabile ... concludere che la tomba in cui fu sepolto Gesù era veramente vuota la mattina della prima Pasqua. E nessuno straccio di prova è stato ancora scoperto ... che possa smentire questa affermazione" [22].

I leader ebrei erano storditi. Hanno accusato i discepoli di aver rubato il corpo di Gesù. Ma i romani avevano assegnato un servizio di guardia 24 ore su 24 alla tomba, con una unità di guardia addestrata (da 4 a 16 soldati). Josh McDowell osserva che questi non erano soldati semplici: "Quando tale unità di guardia veniva meno al dovere (che si addormentassero, lasciassero la posizione, o fallissero in altro modo) c’è un certo numero di fonti storiche che descrivono ciò che succedeva. Molti di loro venivano spogliati dei loro vestiti, bruciati vivi in ​​un incendio che iniziava dai propri indumenti, crocifissi a testa in giù. L'unità di guardia romana era impegnata alla disciplina e temeva il fallimento di qualsiasi tipo" [23].

Sarebbe stato impossibile per chiunque scivolare attraverso le guardie romane e spostare una pietra di due tonnellate. Ma la pietra è stata allontanata ed il corpo di Gesù mancava.

Se il corpo di Gesù fosse stato trovato, i suoi nemici avrebbero rapidamente gridato che la risurrezione era una frode. Tom Anderson, l'ex presidente della Trial Lawyers Association della California, sintetizza la forza di questa argomentazione: “Con un evento così ben pubblicizzato, non pensi che sia ragionevole che uno storico, un testimone oculare, un antagonista non avrebbe registrato per sempre di aver visto il corpo di Cristo? ... Il silenzio della storia è assordante quando si tratta di testimonianza contro la risurrezione” [24].

Quindi, senza prove, e con una tomba conosciuta chiaramente vuota, Morison ha accettato la prova solida che il corpo di Gesù era, in qualche modo, scomparso dalla tomba.

 

Furto di sepolcro?

Continuando l’indagine, Morison ha iniziato a esaminare i motivi dei seguaci di Gesù. Forse la presunta risurrezione era in realtà un corpo rubato. Ma in quel caso, come si spiegano le apparizioni riferite di un Gesù risorto? Lo storico Paul Johnson, in ‘Una storia degli Ebrei’, ha scritto: "L'importante non erano le circostanze della sua morte, ma il fatto che lui era ampiamente e ostinatamente ritenuto risorto di nuovo, da un cerchio di persone che si espandeva" [25].

La tomba era veramente vuota. Ma non era la semplice assenza di un corpo che avrebbe potuto galvanizzare i seguaci di Gesù (soprattutto se fossero stati quelli che l’avevano rubato). Qualcosa di straordinario deve essere successo, per cui i seguaci di Gesù hanno cessato di essere in lutto, hanno cessato di nascondersi, e hanno cominciato senza paura a proclamare che avevano visto Gesù vivo.

Ogni testimonianza oculare riferisce che Gesù apparve improvvisamente nel fisico ai suoi seguaci, alle donne in primo luogo. Morison si è chiesto perché dei cospiratori avrebbero dovuto mettere delle donne al centro della loro trama. Nel primo secolo, le donne erano praticamente senza diritti, personalità, o stato. Se la trama avesse avuto successo, ragionava Morison, i cospiratori avrebbero descritto degli uomini, non delle donne, come i primi a vedere Gesù vivo. Eppure si sente dire che delle donne lo hanno toccato, hanno parlato con lui, e sono state le prime a trovare la tomba vuota.

In seguito, secondo le testimonianze, tutti i discepoli hanno visto Gesù in più di dieci occasioni diverse. Hanno scritto che ha loro mostrato le mani e i piedi e ha detto loro di toccarlo. E è stato riferito che ha mangiato con loro e in seguito è apparso in vita a più di 500 seguaci in una sola occasione.

Il giurista John Warwick Montgomery ha dichiarato: "Nel 56 dC l'apostolo Paolo ha scritto che oltre 500 persone avevano visto Gesù risorto e che la maggior parte di loro erano ancora vivi (1 Cor. 15: 6 ss). È oltre i limiti della credibilità che i primi cristiani potessero aver costruito tale racconto e poi predicato tra coloro che avrebbero potuto facilmente confutarlo semplicemente producendo il corpo di Gesù" [26].

I biblisti Geisler e Turek sono d'accordo: "Se la risurrezione non fosse avvenuta, perché mai l'apostolo Paolo dovrebbe dare una tale lista di presunti testimoni oculari? Egli perderebbe immediatamente ogni credibilità con i suoi lettori corinzi, mentendo in modo così evidente" [27].

Pietro ha detto a una folla a Cesarea perché lui e gli altri discepoli erano così convinti che Gesù era vivo: "Noi apostoli siamo testimoni di tutto ciò che ha fatto in tutta Israele e in Gerusalemme. Lo hanno messo a morte crocifiggendolo, ma Dio lo ha risuscitato alla vita tre giorni dopo ... Siamo stati coloro che hanno mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti" (Atti 10: 39-41).

Lo studioso britannico della Bibbia Michael Green ha osservato: "Le apparizioni di Gesù sono autenticate meglio di qualunque cosa dell'antichità ... Non ci può essere alcun dubbio razionale che sono avvenute" [28].

 

Coerenti fino alla fine

Come se le testimonianze oculari non fossero abbastanza per sfidare lo scetticismo di Morison, egli era anche sconcertato dal comportamento dei discepoli. Un fatto storico che ha reso perplessi gli storici, gli psicologi e pure gli scettici, è che questi undici ex codardi erano improvvisamente disposti a soffrire umiliazioni, torture e morte. Tutti i discepoli di Gesù, tranne uno, furono uccisi come martiri. Avrebbero fatto tanto per una bugia, sapendo che avevano preso il corpo?

I terroristi dell'11 settembre hanno dimostrato che alcuni muoiono per una falsa causa in cui credono. Ma voler essere un martire per una menzogna nota è follia. Come scriveva Paolo Little: "Gli uomini muoiono per ciò che credono sia vero, anche se può in realtà essere falso. Essi non muoiono, però, per quello che sanno essere una bugia" [29]. I discepoli di Gesù hanno avuto un comportamento coerente con la convinzione genuina che la loro guida era viva.

Nessuno ha mai spiegato adeguatamente perché i discepoli sarebbero stati disposti a morire per una bugia nota. Ma anche se tutti avessero cospirato per mentire sulla risurrezione di Gesù, come avrebbero potuto tenere in piedi la cospirazione per decenni senza che almeno uno di essi la vendesse per soldi o per amore della verità? Moreland ha scritto: "Coloro che mentono per guadagno personale non stanno insieme molto a lungo, soprattutto quando le difficoltà riducono i benefici" [30].

Chuck Colson, implicato nello scandalo Watergate durante l'amministrazione del presidente Nixon, ha sottolineato la difficoltà di molte persone a mantenere una menzogna per un periodo prolungato di tempo: "So che la risurrezione è un fatto, e il Watergate me l’ha dimostrato. Come? Perché 12 uomini testimoniarono di aver visto Gesù risuscitato dai morti, e poi hanno proclamato quella verità per 40 anni, senza negarla mai una volta. Ognuno di loro è stato picchiato, torturato, lapidato e messo in prigione. Non l’avrebbero sopportato se non fosse stato vero. Il Watergate coinvolgeva 12 degli uomini più potenti del mondo, e non sono riusciti a mantenere una menzogna per tre settimane. Mi stai dicendo che 12 apostoli hanno mantenuto una bugia per 40 anni? Assolutamente impossibile" [31].

È successo qualcosa che ha cambiato tutto per questi uomini e donne. Morison ha riconosciuto che "Chiunque arriva a questo problema, prima o poi deve confrontarsi con una realtà che non può essere spiegata ... Questo fatto è che ... è insorta una convinzione profonda nel piccolo gruppo di persone, un cambiamento che attesta il fatto che Gesù era risorto dalla tomba" [32].

 

 

L'articolo continua nei prossimi giorni con la terza parte.


Riferimenti:

  1. William D. Edwards, M.D., et al., “On the Physical Death of Jesus Christ”, Journal of the American Medical Association 255:11, March 21, 1986.
  2. Lucian, Peregrinus Proteus.
  3. Josephus, Flavius, Antiquities of the Jews, 18. 63, 64. [Anche se parti di commenti di Giuseppe su Gesù sono stati contestati, questo riferimento a Pilato che lo condanna alla croce è ritenuto autentico dalla maggior parte degli studiosi.]
  4. Tacitus, Annals, 15, 44. In Great Books of the Western World, ed. By Robert Maynard Hutchins, Vol. 15, The Annals and The Histories by Cornelius Tacitus (Chicago: William Benton, 1952).
  5. James D. Tabor, The Jesus Dynasty (New York: Simon & Schuster, 2006), 230.
  6. Gary R. Habermas and Michael R. Licona, The Case for the Resurrection of Jesus (Grand Rapids, MI: Kregel, 2004), 49.
  7. Frank Morison, Who Moved the Stone? (Grand Rapids, MI: Lamplighter, 1958), 9.
  8. Paul L. Maier, Independent Press Telegram, Long Beach, CA: April 21, 1973.
  9. Josh McDowell, The Resurrection Factor Part 3, Josh McDowell Ministries, 2009, http://www.bethinking.org/bible-jesus/intermediate/the-resurrection-factor-part-3.htm.
  10. Quoted in Josh McDowell, The Resurrection Factor (San Bernardino, CA: Here’s Life, 1981), 66.
  11. Paul Johnson, A History of the Jews (New York: Harper & Row, 1988), 130.
  12. John W. Montgomery, History and Christianity (Downers Grove, ILL: InterVarsity Press, 1971), 78.
  13. Norman L. Geisler and Frank Turek, I Don’t Have Enough Faith to Be an Atheist (Wheaton, IL: Crossway, 2004), 243.
  14. Michael Green, The Empty Cross of Jesus (Downers Grove, IL: InterVarsity, 1984), 97, citato in John Ankerberg and John Weldon,Knowing the Truth about the Resurrection (Eugene, OR: Harvest House), 22.
  15. Paul Little, Know Why You Believe (Wheaton, IL: Victor, 1967), 44.
  16. J. P. Moreland, Scaling the Secular City, (Grand Rapids, MI: Baker Book House, 2000), 172.
  17. Charles Colson, “The Paradox of Power”, Power to Change (www.powertochange.ie/changed/index_Leaders).
  18. Morison, 104.

 

 


Fonte: Y-Jesus.com (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X, né la impegna. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Da Vaticano & Avvenire

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit