NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Gesù è risuscitato dai morti? (1 di 3)

 

 

Gesù è risuscitato dai morti?Noi tutti ci chiediamo che cosa ci accadrà dopo la morte. Quando muore una persona cara, desideriamo rivederla quando verrà il nostro turno. Avremo una riunione gloriosa con quelli che amiamo o la morte è la fine di tutta la conoscenza?

Gesù ha insegnato che la vita non finisce dopo che il nostro corpo muore. Ha fatto questa sorprendente affermazione: "Io sono la risurrezione e la vita. Chi crede in me, anche se muore come tutti gli altri, vivrà di nuovo". Secondo i testimoni oculari più vicini a lui, Gesù ha poi dimostrato il suo potere sulla morte risorgendo dopo essere stato crocifisso e sepolto per tre giorni. È questa convinzione che dà speranza ai cristiani da quasi 2.000 anni.

Ma alcune persone non hanno speranza di vita dopo la morte. Il filosofo ateo Bertrand Russell ha scritto: "Credo che quando morirò marcirò, e niente del mio ego sopravvivrà" [1]. Russell, ovviamente, non credeva alle parole di Gesù.

I seguaci di Gesù hanno scritto che è apparso loro vivo, dopo la sua crocifissione e sepoltura. Essi sostengono non solo di averlo visto, ma anche di aver mangiato con lui, averlo toccato, e aver trascorso 40 giorni con lui.

Quindi questa è semplicemente una storia nata nel tempo, o è basata su prove solide? La risposta a questa domanda è fondamentale per il cristianesimo. Infatti, se Gesù è risuscitato dai morti, convaliderebbe tutto quello che ha detto di sé stesso, sul senso della vita, e sul nostro destino dopo la morte.

Se Gesù fosse risorto dai morti, allora solo lui avrebbe le risposte a ciò che è la vita e ciò che avremo di fronte dopo la morte. D'altra parte, se la pretesa di risurrezione di Gesù non è vera, allora il cristianesimo sarebbe fondato su una menzogna. Il teologo R. C. Sproul la mette in questo modo: “L'affermazione della resurrezione è vitale per il cristianesimo. Se Cristo è risuscitato dai morti per mezzo di Dio, allora ha le credenziali e la certificazione che nessun altro leader religioso possiede” [2].

Tutti gli altri leader religiosi sono morti, ma, secondo il Cristianesimo, Cristo è vivo.

Molti scettici hanno tentato di confutare la risurrezione. Josh McDowell era uno di questi scettici che ha trascorso più di settecento ore alla ricerca delle prove della risurrezione. Per quanto riguarda l'importanza della risurrezione McDowell ha dichiarato: “Sono giunto alla conclusione che la risurrezione di Gesù Cristo è una delle truffe più malvagie, immorali e senza cuore mai rifilate alla mente degli uomini, oppure è il più fantastico fatto di storia” [3]. McDowell ha scritto più tardi la sua opera classica «Le nuove prove che richiedono un verdetto», che documenta ciò che ha scoperto.

Quindi, la risurrezione di Gesù è un fatto fantastico o un mito vizioso? Per scoprirlo, dobbiamo esaminare le evidenze della storia e trarre le nostre conclusioni. Vediamo cosa hanno scoperto gli scettici che hanno studiato la resurrezione loro stessi.

 

Cinici e scettici

Purtroppo, non tutti sono disposti ad esaminare onestamente le prove. Bertrand Russell ammette che la sua opinione su Gesù "non era interessata" ai fatti storici [4]. Lo storico Joseph Campbell, senza citare prove, ha detto con calma al suo pubblico televisivo della PBS che la risurrezione di Gesù non è un evento fattuale [5]. Altri studiosi, come ad esempio John Dominic Crossan del Jesus Seminar, sono d'accordo con lui [6]. Nessuno di questi scettici presenta alcun elemento di prova per le loro opinioni.

I veri scettici, al contrario dei cinici, sono interessati alle evidenze. In un editoriale della rivista Skeptic dal titolo "Chi è lo scettico?" viene data la seguente definizione: "Lo scetticismo è ... l'applicazione della ragione a ognuna e a tutte le idee; non sono consentite vacche sacre. In altre parole ... gli scettici non entrano in un'indagine chiusi alla possibilità che un fenomeno possa essere reale o che un'indicazione possa essere vera. Quando diciamo che siamo ‘scettici’, intendiamo che dobbiamo vedere delle prove convincenti prima di credere" [7].

A differenza di Russell e Crossan, molti veri scettici hanno studiato le prove della risurrezione di Gesù. Sentiremo da alcuni di loro e vedremo come hanno analizzato le prove di quella che è forse la domanda più importante nella storia del genere umano: Gesù è veramente risorto dai morti?

 

Auto-profezia

Prima della sua morte, Gesù disse ai suoi discepoli che sarebbe stato tradito, arrestato e crocifisso e che sarebbe tornato in vita dopo tre giorni. Questo è un piano strano! Cosa c'era dietro? Gesù non era un intrattenitore disposto a interpretare per gli altri a richiesta; al contrario ha promesso che la sua morte e risurrezione avrebbero dimostrato alle persone (se le loro menti e cuori fossero stati aperti) che egli era davvero il Messia.

Il biblista Wilbur Smith ha osservato a proposito di Gesù: “Quando ha detto che lui stesso sarebbe risorto dai morti, il terzo giorno dopo essere stato crocifisso, ha detto qualcosa che solo un pazzo oserebbe dire, per promuovere più devozione da tutti i discepoli - a meno che non fosse sicuro che sarebbe risorto. Nessun fondatore di una religione mondiale, conosciuto agli uomini, ha mai osato dire una cosa del genere”. [8]

In altre parole, poiché Gesù aveva detto chiaramente ai suoi discepoli che egli sarebbe risorto dopo la sua morte, l’incapacità di mantenere quella promessa lo avrebbe esposto come a una frode. Ma stiamo andando troppo avanti. Come è morto Gesù prima di risorgere (se è davvero morto)?

 

Una morte orribile e poi ...?

Se hai visto il film di Mel Gibson, il guerriero della strada / Braveheart, capisci come sono state le ultime ore di Gesù nella vita terrena. Se ti sei perso parti de ‘La Passione di Cristo’ perché avevi chiuso gli occhi (sarebbe stato più facile girare il film semplicemente con un filtro rosso sulla videocamera), basta girare le ultime pagine di ogni Vangelo nel Nuovo Testamento per scoprire che cosa ti sei perso.

Come aveva predetto, Gesù è stato tradito da uno dei suoi discepoli, Giuda Iscariota, ed è stato arrestato. In un processo farsa sotto il governatore romano Ponzio Pilato, fu condannato per tradimento e condannato a morire su una croce di legno. Prima di essere inchiodato alla croce, Gesù è stato brutalmente picchiato con un gatto a nove code romano, una frusta con pezzi di osso e metallo che strappano la carne. È stato ripetutamente preso a pugni, calci e sputi.

Quindi, usando delle mazze, i carnefici romani hanno piantato dei pesanti chiodi di ferro battuto ai polsi e ai piedi di Gesù. Infine hanno calato la croce in un buco del terreno tra altre due croci con dei ladri condannati.

Gesù è rimasto appeso lì per circa sei ore. Poi, alle 3:00 del pomeriggio (esattamente lo stesso tempo in cui veniva sacrificato l'agnello pasquale come offerta per il peccato - un po' di simbolismo qui, ti pare?) Gesù ha gridato: "Tutto è compiuto" (in aramaico), ed è morto [9]. Improvvisamente il cielo è diventato scuro e un terremoto ha scosso la terra [10].

Un buio ancora più grande di depressione ha annichilito i sogni di coloro che si erano infatuati con il suo carisma e la sua vitalità gioiosa. L'ex Lord Alto Cancelliere della Gran Bretagna, Lord Hailsham, fa notare: "La tragedia della Croce non era che avessero crocifisso una figura malinconica, piena di precetti morali, ascetico e cupo ... Quello che hanno crocifisso era un uomo giovane, vitale, pieno di vita e della gioia per essa, il Signore della vita stessa ... una persona così totalmente attraente che la gente lo seguiva per il puro gusto di farlo" [11].

Pilato ha voluto verificare che Gesù fosse morto prima di consentire che il suo corpo crocifisso fosse sepolto. Quindi, una guardia romana ha spinto una lancia nel fianco di Gesù. La miscela di sangue e acqua che scorreva fuori era una chiara indicazione che Gesù era morto. "I morti non sanguinano, di solito, ma l’atrio destro del cuore umano contiene sangue liquido dopo la morte, e il sacco esterno contiene un siero chiamato idropericardio" [12]. Una volta che la sua morte è stata certificata dalle guardie, il corpo di Gesù è stato deposto dalla croce e sepolto nella tomba di Giuseppe d'Arimatea. In seguito le guardie romane hanno sigillato la tomba, e messa al sicuro con una guardia 24 ore su 24.

Nel frattempo, i discepoli di Gesù erano in stato di shock. Il Dr. J. P. Moreland spiega quanto erano devastati e confusi dopo la morte di Gesù sulla croce: "Non avevano più fiducia nel fatto che Gesù fosse stato mandato da Dio. Inoltre era stato loro insegnato che Dio non avrebbe lasciato che il suo Messia subisse la morte. Così si dispersero. Il movimento di Gesù era quasi interrotto nel suo percorso" [13].

Ogni speranza era stata sconfitta. Roma e i leader ebrei avevano avuto la meglio, o almeno così sembrava.

 

È accaduto qualcosa

Ma non era la fine. Il movimento di Gesù non è scomparso (ovviamente), e in effetti il ​​cristianesimo esiste oggi come la più grande religione del mondo. Pertanto, dobbiamo capire cosa è successo dopo che il corpo di Gesù è stato deposto dalla croce e deposto nel sepolcro.

In un articolo del New York Times, Peter Steinfels cita gli eventi sorprendenti che si sono verificati tre giorni dopo la morte di Gesù: "Poco dopo che Gesù fu giustiziato, i suoi seguaci, da un gruppo sconcertato e rannicchiato, sono improvvisamente stati galvanizzati in persone il cui messaggio di un Gesù vivo e di un regno futuro, predicato a rischio della loro vita, alla fine ha cambiato un impero. È successo qualcosa ... ma esattamente cosa?" [14]. Questa è la domanda a cui dobbiamo rispondere con un'inchiesta sui fatti.

Ci sono solo cinque spiegazioni plausibili alla presunta resurrezione di Gesù, descritta nel Nuovo Testamento:

  1. Gesù non è veramente morto sulla croce.
  2. La ‘resurrezione’ è stata una cospirazione.
  3. I discepoli avevano allucinazioni.
  4. Il resoconto è una leggenda.
  5. È successo davvero.

Nelle prossime 2 parti analizziamo queste possibilità e vediamo quale si adatta meglio ai fatti.

 

 

 


Riferimenti:

  1. Paul Edwards, “Great Minds: Bertrand Russell,” Free Inquiry, December 2004/January 2005, 46.
  2. R. C. Sproul, Reason to Believe (Grand Rapids, MI: Lamplighter, 1982), 44.
  3. Josh McDowell, The New Evidence That Demands a Verdict (San Bernardino, CA: Here’s Life, 1999), 203.
  4. Bertrand Russell, Why I Am Not a Christian (New York: Simon & Schuster, 1957), 16.
  5. Joseph Campbell, an interview with Bill Moyers, Joseph Campbell and the Power of Myth, PBS TV special, 1988.
  6. Michael J. Wilkins and J. P. Moreland, eds, Jesus Under Fire (Grand Rapids, MI: Zondervan, 1995), 2.
  7. “What Is a Skeptic?” editorial in Skeptic, vol 11, no. 2), 5.
  8. Wilbur M. Smith, A Great Certainty in This Hour of World Crises (Wheaton, ILL: Van Kampen Press, 1951), 10, 11
  9. La parola aramaica mormorata da Gesù, ‘tetelestai’, significa “debito pagato totalmente”, riferito al debito dei nostril peccati.
  10. Lo storico Will Durant ha riferito: "Circa alla metà di questo primo secolo un pagano di nome Tallo ... ha sostenuto che l'oscurità anormale sospettata di aver accompagnato la morte di Cristo era un fenomeno puramente naturale e casuale; la discussione dava per scontata l'esistenza di Cristo. La negazione di quell’esistenza non sembra esserci stata nemmeno dal pagano più accanito o dagli avversari ebraici del cristianesimo nascente". Will Durant, “Caesar and Christ,” vol. 3 of The Story of Civilization (New York: Simon & Schuster, 1972), 555.
  11. Lord Hailsham, The Door Wherein I Went (London: Collins, 1975), 54.
  12. Jim Bishop, The Day Jesus Died (New York: Harper Collins, 1977), 257.
  13. Quoted in J. P. Moreland interview, Lee Strobel, The Case for Christ (Grand Rapids, MI: Zondervan, 1998), 246.
  14. Peter Steinfels, “Jesus Died – And Then What Happened?” New York Times, April 3, 1988, E9.

 

 


Fonte: Y-Jesus.com (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X, né la impegna. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


Da Vaticano & Avvenire

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

Italian Chinese (Traditional) English French German Portuguese Russian Spanish

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit